Displasia dell’Anca nel cane

Pubblicato: 12/01/2013 08:21:03
Categoria: Previeni le patologie con Olipet


La displasia dell’anca del cane è una patologia scheletrica multifattoriale di natura genetica/gestionale.


Colpisce soggetti di taglia grande e gigante e alcune razze risultano particolarmente predisposte: Pastore Tedesco, Labrador retriver, Golden retriver, Terranova, Bovaro del Bernese, Rottweiler, San Bernardo, Alaskan Malamute, Bulldog inglese, Boxer, Dogue de Bordeaux.

In questi cani la componente genetica determina un’instabilità dell'articolazione con conseguente anormale distribuzione dei carichi e incidenza di microtraumi con successiva degenerazione artrosica.


Uno dei momenti critici nello sviluppo dell’articolazione va dalla nascita fino ai 10/12 mesi d’età del cane, perché il tessuto osseo non è ancora completamente formato e i tessuti molli dell’anca sono sollecitati oltre i loro limiti d’elasticità; ne deriva lassità articolare, che conduce all’anomala dislocazione della testa femorale, con conseguente alterata morfologia delle superfici articolari che vanno incontro a sclerosi nel tentativo di stabilizzare l’anca.


I fattori gestionali sono l'alimentazione, il peso del soggetto e l'esercizio fisico. L'alimentazione dovrà essere di buona qualità e mai somministrata in eccesso in quanto il sovrappeso, aumentando il carico sull’articolazione, fa aumentare anche l’incidenza dei microtraumi.


Le razze a rischio, dovrebbero essere controllate presso un Ambulatorio attrezzato già all'età di 6 mesi, attraverso l’esecuzione di una Radiografia del Bacino in anestesia generale, per ottenere un grado corretto di rilassamento muscolare.


La diagnosi precoce di displasia permette, infatti, di intervenire tempestivamente con opportuni trattamenti, il cui obiettivo sarà quello di garantire all’animale una migliore qualità di vita. Attualmente diverse tecniche chirurgiche si mostrano valide a tal fine, ma la scelta dipende, essenzialmente, dall’età del cane e dalla presenza o meno di malattia articolare degenerativa, oltre che dalle aspettative del proprietario.


La prevenzione della displasia dovrebbe, dunque, iniziare fin da quando il cane è ancora cucciolo, cercando, quando possibile, di limitare l’esercizio fisico ed evitare il sovrappeso. Si dimostra, inoltre, di cruciale importanza la possibilità di far riposare l’animale in un lettino con caratteristiche tecniche che gli garantiscano un adeguato sostegno.


Proprio per contrastare questa patologia, Olipet ha studiato la prima cuccia ortopedica con materiali tecnici elastici a rilascio controllato che contribuiscono alla corretta posizione articolare durante il riposo del nostro amico.



Condividi

Olipet - Eccezionali Accessori per Animali

Olipet - Eccezionali Accessori per Animali